Prato Sesia

Paese di Frà Dolcino e del Supervulcano del Sesia

Origini di Prato Sesia

Un documento del 1014 cita il borgo con il nome di Karon (di origine celtica) e
sempre intorno all’anno Mille, sul colle di Sopramonte viene edificata una torre a
cui si aggiunge il “castello dei Tornielli” (XIII sec.). Verso il 1250  a Prato nasce
Frà Dolcino, guida del movimento ereticale degli Apostolici. Solo nel 1862 al
nome Prato è aggiunto “Sesia”.

Alcune attrazioni turistiche

Chiesa Parrocchiale di San Bernardo

La chiesa parrocchiale di Prato Sesia, dedicata a S. Bernardo da Aosta, in stile basilicale, a tre navate, è sicuramente antica, anche se non se ne conosce l’anno di fondazione. Nei secoli passati subì notevoli trasformazioni, fino all’atterramento del portico antistante e al rifacimento dell’antica facciata, eseguita nel 1908 su disegno del Marietti. All’interno è ornata da due cappelle laterali: la Cappella del Rosario, a destra, è la più interessante e contiene il dipinto della Madonna del Rosario, opera di Giacinto Gimignani, artista toscano ma di formazione romana; la Madonna del Rosario e San Domenico fu eseguita su commissione della famiglia Furogotti nella prima metà del seicento e raffigura la Madonna in trono adorata dal Santo in ginocchio, quando nel 1994 furono eseguiti i lavori di restauro nella chiesa proprio nella cappelletta del Rosario vennero riportati alla luce affreschi per secoli nascosti dall’intonaco, si tratta di scene rappresentanti la vita di Gesù realizzati nel 1713 da Tarquinio Grassi, autore romagnanese, che operò per lo più nel novarese con all’attivo qualche incursione nel milanese. 

Torre e resti del Castello di Sopramonte

Di questa grande torre è ancora oggi visibile il basamento a pianta quadrata, con uno spessore dei muri di 140 cm. A est della torre si apre una cisterna circolare con un diametro di 340 cm. Per la sua posizione geografica, questa fortezza ebbe certamente grande importanza territoriale; oggi, però, di questo complesso in avanzato stato di rovina si riconoscono solo i possenti muri della fortezza, in ciottoli di fiume a spina di pesce, segnati da alcune feritoie a uso degli archibugi, in gran parte diroccati.

Dove mangiare

  • El Corral
  • via Matteotti, 86
  • Tel. 0163 85 05 45
  • Ristorante Lo Scoglio
  • via Don Minzoni, 1
  • Tel. 0163 85 05 81
  • Ristorante Pizzeria Ca’ Bianca
  • via Matteotti, 167
  • Tel. 0163 85 05 50
  • Trattoria Castello
  • Piazzale Marconi, 3
  • Tel. 0163 85 21 49
  • Ristorante Al Nuovo Mille
  • via Matteotti, 2
  • Tel. 0163 85 28 94
  • Ristorante Shangrila’
  • via Circonvallazione, 4
  • Tel. 0163 85 12 89
  • Agriturismo San Michele
  • via Garodino, 9
  • Tel. 0163 85 01 38

Dove dormire

  • B&B La Gazza Ladra
  • via Garodino, 2
  • Tel. 393 65 77 006

Visita il sito ufficiale del comune