Tappa 1

1 Castagnola – Gattinara

finish_icon

Frazione Castagnola

13018 Valduggia VC
Italy

745 m
Difficoltà
BC
Lunghezza
25,80 km
Percorrenza
8 ore
Quota massima
745 m
icone
Dislivello salita
488 m
icone
Dislivello discesa
968 m
finish_icon

Municipio di Gattinara

Piazza Generale Paolotti 13045 Gattinara VC

267 m

Descrizione della tappa

La prima tappa si sviluppa a partire dal Monte Fenera in ambiente dapprima montuoso-collinare e successivamente pianeggiante. A partire dalla frazione Castagnola di Valduggia, situata ad est rispetto alla cima del Monte Fenera, si percorrono in senso orario i sentieri che conducono verso i comuni di Maggiora e di Boca, da qui l’itinerario prosegue con profilo più pianeggiante ad andamento digradante toccando i territori di Cavallirio, Prato Sesia e Romagnano Sesia fino a raggiungere il centro di Gattinara, punto di arrivo della prima tappa.

Si noti che esiste anche una variante 1A che a partire dalla frazione Castagnola, muovendosi questa volta in senso antiorario, consente di raggiungere il santuario di Boca passando per i territori del comune di Grignasco. Inizialmente il percorso si snoda attraverso una porzione del parco naturale del Monte Fenera, zona principalmente boscata i cui versanti sono segnati dal corso di alcuni rii e ruscelli, lungo la tratta si possono cogliere suggestivi scorci sulle pianure novaresi e vercellesi oltre a ampie viste dell’arco alpino nelle giornate limpide, a tal proposito raggiunta la località Soliva l’escursionista troverà un totem posizionato in modo da inquadrare le viste sul paesaggio più significative.

Da qui l’itinerario procede scendendo fino all’attraversamento sul torrente Sizzone per poi risalire fino a valicare la cresta del Monte Ovagone, questo tratto è tra le porzioni dell’itinerario più immerse nella natura e lontane da centri abitati e forme di antropizzazione, e coglie appieno le peculiarità del Parco del Monte Fenera, il quale ha una importante valenza dal punto di vista geologico, paleontologico e archeologico oltre che floro-faunistico. Valicato il Monte Ovagone l’itinerario continua in discesa a mezzacosta fino ad arrivare all’abitato di Maggiora dopo aver oltrepassato l’autodromo offroad del paese.

Nel centro paese sono presenti bar e ristoranti – pizzerie in cui trovare generi di conforto e ristoro. Il cammino riprende quindi alla volta di Boca, passando attraverso i vigneti di produzione del Boca, il percorso compie lievissimi dislivelli prima di raggiungere il Santuario del Crocifisso di Boca, all’ombra del quale si può sostare e riposare. Il santuario del Ss. Crocifisso di Boca, sorto intorno al 1600 è oggi importante luogo di culto per i fedeli e dal 1987 è stato inserito nel Parco naturale del Monte Fenera. Nel 2012 la Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti ha proclamato il santuario basilica minore e successivamente il vescovo di Novara ha effettuato la proclamazione solenne.

Lasciandosi il santuario alle spalle e procedendo verso nord sulla S.P, si imbocca la strada asfaltata che svolta a sinistra per arrivare fino alla fine della strada asfaltata e l’inizio della pista forestale sterrata tra i vigneti novaresi. La pista ora si addentra in un’area boscata che discende verso il centro abitato di Prato Sesia, dove imboccando la strada vicinale del Castello l’escursionista potrà raggiungere i ruderi del castello di Sopramonte, per poi scendere e raggiungere viale Antonelli che, attraversando un piccolo nucleo abitato, passerà nei pressi di Villa Caccia museo storico etnografico della bassa Valsesia.

Proseguendo si raggiunge il centro Abitato di Romagnano Sesia, il percorso attraversando la passerella sul canale della Mora e fiancheggiando le rovine di un antico ponte medioevale conduce al parco dell’area Zen, all’interno del quale si troverà un punto informativo.

Ripartendo si dovrà superare il passaggio livello e percorre il ponte che attraversando il fiume Sesia collega Romagnano a Gattinara, si potrà quindi proseguire fino ad arrivare in Piazza Generale Paolotti, qui, in corrispondenza del Municipio del Comune di Gattinara ha fine la prima tappa dell’itinerario, in questo punto, all’interno del palazzo municipale sarà presente un centro informazioni in grado di presentare l’offerta turistica del territorio, a partire dalla limitrofa Villa Paolotti; Enoteca Regionale di Gattinara e delle Terre del Nebbiolo del Nord Piemonte. In Gattinara, punto di appoggio di tappa, l’escursionista potrà trovare luoghi di ristoro e pernottamento.

Profilo altimetrico